giovedì 15 giugno 2017

*********************** ELEZIONI COMUNALI ************************

------------------------------------------ Cosa vuol dire vincere ----------------------------------------

"VINCERE" DELLE ELEZIONI NON PUO' ESSERE POSTO SULLO STESSO PIANO DEL VINCERE UN TORNEO DI CALCIO.
SAREBBE COME DIRE CHE IL PARTITO CHE HA VINTO PRENDE UN PREMIO E SE LO GODE, E CON ESSO I SUOI TIFOSI.
VINCERE UN'ELEZIONE NON RAPPRESENTA, O PERLOMENO NON DOVREBBE RAPPRESENTARE, IL RAGGIUNGIMENTO DEL PREMIO "POTERE".
IL SIGNIFICATO INTRINSECO DI UNA VITTORIA ELETTORALE E': "CI FIDIAMO DI VOI, CI IDENTIFICHIAMO CON I VOSTRI VALORI, AVETE IL NOSTRO BENESTARE PER GOVERNARE".
OSSIA, "VI RINGRAZIAMO PER ESSERVI PRESI QUESTA ENORME RESPONSABILITA'".
CHI VINCE NON PRENDE "PREMI", MA SI SACRIFICA NEL SERVIZIO PER IL BENE COMUNE.
METTE DA PARTE LA PROPRIA VITA PERSONALE PER DEDICARSI ALLA COLLETTIVITA'.
CHI "VINCE" NON VINCE PREMI, MA RICEVE UNA GRANA CHE NOBILMENTE ED ALTRUISTICAMENTE SI E' OFFERTO DI SOBBARCARSI.
I CANDIDATI NON SONO TALI PER VINCERE ALCUNCHE', MA PER PORSI AL SERVIZIO DELLA COMUNITA'.
ALTRO CHE PREMIO, ALTRO CHE TRIONFO, ALTRO CHE VITTORIA...
LE CHIACCHIERE TRA VINCITORI E VINTI CHE SI ASCOLTANO INVECE NON SONO DIVERSE DA QUELLE TRA TIFOSI DI CALCIO.
SENTO DIRE CHE IL M5S HA PERSO LE ULTIME ELEZIONI COMUNALI.
PENSIAMOCI UN ATTIMO.
IL VOTO DEI CITTADINI DOVREBBE ESSERE SOLO UNA CONSEGUENZA DEL FATTO CHE CHI SI CANDIDA A SERVIRLI LI HA CONVINTI DELLA BONTA' DELLE SUE INTENZIONI, DELLA SUA ONESTA', DELLA SUA CAPACITA'.
CHI VOTA UN CANDIDATO LO DOVREBBE FARE PERCHE' NE CONDIVIDE L'IDEALE DI SOCIETA' CHE COSTUI PROPONE.
OTTENERE VOTI PERCHE' SI E' PROMESSO FAVORI AD ALCUNI A SCAPITO DI TUTTI GLI ALTRI, FARSI VOTARE DA QUALCUNO PERCHE' SPERA DI TRARNE BENEFICI LA CUI IMMORALITA' STA NEL LORO EGOISMO E NELL'ESCUSIVITA' DEI BENEFICI AUSPICATI, DOVREBBE ESSERE RIPUGNANTE, QUALCOSA PER CUI PROVARE VERGOGNA.
ALTRO CHE VANTO E ANNESSE CELEBRAZIONI VITTORIOSE.
ALLORA IL SUCCESSO DI UN CANDIDATO/PARTITO/MOVIMENTO NON E' IL VOTO OTTENUTO, QUANDO QUESTO FOSSE FRUTTO DI ASPETTATIVE DI FAVORI CONCESSE DALL'ELETTO IN POSIZIONI DI POTERE, MA PIUTTOSTO, IL SUCCESSO DI UNA FORZA POLITICA VA MISURATO IN BASE AL GRADO CON CUI HA PROMOSSO E FATTO ABBRACCIARE ALLA SOCIETA' A CUI SI RIVOLGE, DEI VALORI SANI, ETICI, GIUSTI, POSITIVI CHE CONDUCONO, A LUNGO TERMINE, AL BENESSERE COMUNE.
VEDETE COME IL M5S HA "VINTO" ALLA GRANDE ALLORA?
NON ABBIAMO FORSE INTRODOTTO DEI CONSIGLIERI COMUNALI IN MOLTE PIU' CITTA' DI PRIMA, CONSIGLIERI CHE FARANNO DA CANI DA GUARDIA E CHE ESPORANNO ALLA PUBBLICA CONDANNA, SE NON PURE A QUELLA PENALE, ATTI ILLECITI CHE SONO CONSUETUDINE IN MOLTI PARTITI TRADIZIONALI IN POSIZIONI DI POTERE?
NON ABBIAMO FORSE CONTAGIATO, EDUCATO, RISCATTATO, CONQUISTATO UNA MIRIADE IN PIU' DI CITTADINI ITALIANI AI VALORI DELL'ONESTA' E DEL BENE COMUNE AL DI SOPRA DEL VANTAGGIO PERSONALE?
NON SONO FORSE I VOTI AL M5S NIENT'ALTRO CHE GRIDA DISSONANTI, TRA UNA FOLLA ANCORA TROPPO VASTA INCLINE AL TORNACONTO PERSONALE, PER L'ONESTA E LA NOBILTA' ORIGINARIA DELLA POLITICA?
NON E' FORSE UNA VITTORIA AVERE CONVINTO ANCORA PIU' COSCIENZE CHE ESSERE ONESTI E' PIU' SEDUCENTE E BELLO CHE ESSERE COMPLICI DI UNA VISIONE DELLA COSA PUBBLICA COME STRUMENTO DI POTERE PERSONALE?
NON E' FORSE UN FATTO INEQUIVOCABILE CHE SENZA L'ESPEDIENTE TRUFFALDINO DELLE LISTE CIVICHE CIVETTA CHE M5S SI RIFIUTA DI ADOTTARE AVREMMO OTTENUTO LA MAGGIORANZA DEI VOTI IN MOLTISSIME CITTA'?
CERTO, NON ABBIAMO MESSO SINDACI 5S AL COMANDO, NON POTREMO DIRE NOI L'ULTIMA PAROLA SULLE DECISIONI CHE IMPATTANO LE CITTA', MA VI SEMBRA COSA DA POCO CHE I NOSTRI CONSIGLIERI SONO LI' A PROPAGARE FINALMENTE UN'ETICA SANA, A CERCARE E SICURAMENTE RIUSCIRE DI "SEDURRE" ALTRI, TRAVIATI INCLUSI, AI NOSTRI VALORI?
MA ALLORA PERCHE' GESU' SI SEDEVA CON I PECCATORI E LI CONQUISTAVA A UN NUOVO MODO DI ESSERE E AGIRE ANCHE SE DI CERTO NON ERA IN UNA POSIZIONE DI POTERE DA CUI AVREBBE POTUTO COSTRINGERLI? SEMPLICEMENTE PERCHE' SE LI AVESSE AFFRONTATI DA DOMINATORE NON NE AVREBBE CONQUISTATO LE COSCIENZE, MA SOLO OTTENUTO OBBEDIENZA CON MOLTO RANCORE ANNESSO.
AMICI E OSSERVATORI,
IL CRITERIO CON CUI MISURARE LA BONTA' E IL SUCCESSO DELL'AFFERMAZIONE DEL NOSTRO IDEALE DI POLITICA, NON E' DATO DAL NUMERO DI SINDACI 5S CHE SI ERANO OFFERTI DI SERVIRE E CHE SI SONO VISTI APPIOPPARE IL GRAVOSO INCARICO (INTENZIONALMENTE NON USO LA LOCUZIONE "VINCERE").
SONO MOLTI MA MOLTI DI PIU' QUELLI CHE CI CREDONO, CHE DESIDERANO LA SOCIETA' GIUSTA E ARMONICA CHE NOI DESIDERIAMO E PER LA QUALE PERSONE STUPENDE, I NOSTRI RAPRESENTANTI NELLE ISTITUZIONI, SI STANNO SPENDENDO COME PADRI NOBILI FONDATORI DI UNA STUPENDA COMUNITA'.
NON ABBIAMO VINTO POSTI DA SINDACO.
MA BEN ALTRO E DI PIU': SIAMO AUMENTATI NOTEVOLMENTE DI NUMERO.
************* QUESTO E' UN GRANDISSIMO SUCCESSO! *************

domenica 28 ottobre 2012

E' venuto un grillo in persona a dirmelo

Sono Siciliano e vivo in Australia. Ho seguito il tour di Beppe giornalmente da qua, via web.
Ho chiesto ai miei genitori che vivono in Sicilia di votare M5S. Non ho dovuto fare altro per convincerli.
Oggi, domenica 28 Ottobre e' la fatidica data.
Me ne stavo sull'amaca, all'ora in cui probabilmente in Sicilia si stanno aprendo i seggi e mi chiedevo come sarebbe andata. Proprio in quel momento
il grillo che vedete nella foto mi e' saltato sul ginocchio. E' il primo grillo che vedo da queste parti, una rarita'. Ci ho messo poco a connettere le due cose: e' venuto a portarmi buone notizie.
L'appello di Beppe ai Siciliani emigrati nel mondo e' stato recepito. Io e il grillo ci siamo guardati a lungo, poi gli ho fatto la foto perche' secondo me questo buon auspicio portatomi da questo messaggero e' un segno che le persone oneste del M5S sono sostenute dall'alto e lo voglio condividere.
Il momento dei Siciliani che portano un grillo sul cuore o su un ginocchio e' arrivato.

mercoledì 8 ottobre 2008

Metafora per chi sta cercando di migliorare il mondo

C'era una volta un pianeta abitato da esseri che chiamavano se stessi "Uomini" e "Donne".

L'unica acqua che avevano per dissetarsi erano le acque di un lago purissimo.
Tuttavia a volte erano costretti ad attraversarlo per recarsi da una parte all'altra. Allora si toglievano prima gli stivali infangati e passavano tenendoli in mano. Così l'acqua restava pulita.
Un giorno avvenne che un malato di mente ci entrò dentro con gli stivali e ci si mise a sguazzare dentro...
Ci fu chi con dolcezza tentò di parlargli e convincerlo ad uscire.
Ci fu chi prese ad insultarlo e deplorarlo.
Ci fu chi gli lanciò dei sassi per tramortirlo.
Ci fu chi si tolse gli stivali per andare a prenderlo.
E ci fu chi preso dalla collera si precipitò dentro al lago con gli stivali sozzi di fango e di letame...
L'acqua al contatto di tante paia di stivali sozzi si intorbidò, finì per diventare melmosa e imbevibile. Morirono quasi tutti di sete o intossicati dall'acqua contaminata...
Ci volle molto tempo perchè la melma sedimentasse e l'acqua tornasse ad essere potabile e perchè quei pochi sopravvissuti si moltiplicassero di nuovo.

Un giorno avvenne che un malato di mente ci entrò dentro con gli stivali e ci si mise a sguazzare...
Ci fu chi con dolcezza tentò di parlargli e convincerlo ad uscire.
Ci fu chi si tolse gli stivali per andare a prenderlo.
Ci fu chi voleva insultarlo, lanciargli dei sassi, precipitarsi dentro con gli stivali sozzi ma fu fermato e convinto a non farlo dai sopravvissuti memori del disastro passato.
Ci fu chi si tolse gli stivali, li mostrò allo sfortunato mentecatto e gli spiegò il danno che stava facendo.
Ci persero molto tempo ma questi non voleva saperne di uscire dal lago. I sani di mente non desistettero.
Il fango degli stivali di uno solo non riuscì a contaminare l'acqua e tutti divennero molto più consapevoli di quanto fosse importante non cadere nell'errore del matto.

Nel nostro pianeta sta avvenendo qualcosa di simile.
Cerchiamo di non essere tra quelli che per estirpare il male usano i suoi stessi mezzi.
Cerchiamo di non correggere la negatività del mondo producendo altra negatività.